Pensioni: Damiano, ecco le proposte Pd per lavoratori esodati. Attendiamo decreto

18 maggio 2012
 
Pensioni: Damiano, ecco le proposte Pd per lavoratori esodati. Attendiamo decreto
Cesare Damiano

(IRIS) – ROMA, 18 MAG – “Siamo ancora in attesa del decreto promesso dal ministro Fornero che dovrebbe risolvere il problema per una prima tranche di 65mila lavoratori esodati. Abbiamo gia’ detto che questa soluzione non e’ sufficiente perche’ non affronta strutturalmente il problema: noi chiediamo al ministro del Lavoro di non lasciare nessun lavoratore che si trova in questa situazione senza il diritto di poter accedere alle vecchie regole pensionistiche”:

E’ quanto afferma Cesare Damiano, capogruppo Pd in commissione Lavoro della Camera.

“E’ prioritario trovare le risorse anche attivando un’apposita clausola automatica di copertura finanziaria. A questo proposito, il Pd sta presentando, attraverso i suoi componenti nella commissione Lavoro della Camera, venti interrogazioni su questa materia al fine di sollecitare il governo e mantenere alta l’attenzione politica. Inoltre, sempre nella commissione Lavoro, e’ stata presentata una proposta di legge firmata dai partiti che sostengono il governo che ha lo scopo di allargare da subito e significativamente la platea di coloro che potranno accedere al vecchio regime previdenziale” spiega Damiano.

“Si tratta di due specifici interventi: lo spostamento dal 4 dicembre 2011 al 31 dicembre 2011 della data di validita’ degli accordi di mobilita’ sottoscritti e della sostituzione della ‘decorrenza del trattamento pensionistico’ con ‘la maturazione del diritto al trattamento pensionistico’” argomenta l’esponente del Pd, che conclude: “In quest’ultimo caso la finestra mobile di un anno e l’aggancio dell’aspettativa di vita sono considerati al di fuori della decorrenza di due anni (6 dicembre 2011-6 dicembre 2013) considerata valida dalla riforma per accedere alle vecchie regole previdenziali. Si tratta di un ulteriore passo avanti a favore dei lavoratori e di una battaglia che verra’ condotta unitariamente”.

6 commenti
 
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...
 
 

6 pensieri su “Pensioni: Damiano, ecco le proposte Pd per lavoratori esodati. Attendiamo decreto

  1. Non solo ESODATI ma per tutti. Io sono precoce e non è giusto che debbo lavorare 3anni in più con penalizzazione del 3.17% per sempre. Cosa vuol dire questo PERVERSO meccanismo di aggancio della prospettiva della vita??? CHE è DEVASTANTE…….Non è bastato passare dal dal sistema retributivo a quello contributivo???? e 2anni in più??
    SALUTI.

    • Caro Angelo Mele tranquillo che questa gente che dice di rappresentarci pensa solo a come mantenere i propri privilegi e dei nostri diritti calpestati delle continue ruberie fatte solo a nostro danno sanno benissimo come comminarcele non hai capito chi sei ancora? uno schiavo a cui non resta che sperare in Dio!!!

      • Cara Claudia, la pensione la dobbiamo pretendere (con le buone o con le cattive) dall’INPS, perché è la che abbiamo versato i contributi. La pensione di Dio rimandiamola il più tardi possibile, facendo un dispiacere alla Fornero.

  2. Salve: Sono Italo-Argentina , nata 12/03/52 , con più di 20 anni di versamenti Estero validati( Buenos Aires)Anses-Inps. Venti anni fà arrivai in Italia : Nell2009 ho chiesto la pensione in Regime di Convenzione Internazionale (ovvio) la prestazione minima basica Universal. (P.B.U ) mi trovo disoccupata, vivo sola, separata , senza reditto e s/ tutela, con diploma scientifico ,ho fatto la COLF fino all 30/6/2010. Con 60 anni di età e la contribuzione minima di 20 anni posso andare in pensione anticipada ? Sfortunata o reduce della incompetenza Inps e sindacati (che mi dissero TORNE NELL 2016) Ero convinta di avvere il diritto con le vecchie regole …………………………….

    N.B. :Convenzione Italo-Argentina per pensione Requisiti attuali per richiedere la pensione autonoma di vecchiaia sono 60 anni per le donne, ed almeno 20 anni di contributi versati.In alternativa, un assicurato/a al compimento dell’età pensionabile, con almeno 52 contributi settimanali versati in Italia e 20 anni complessivi cumulati con quelli versati in uno stato estero, può fare domanda di pensione in regime di convenzione internazionale . Spero un’anima generosa me possa dare informazione. Grazie Mille

  3. Vorrei sapere perchè ci si preoccupa solo degli esodati che sono persone privilegiate cui sono stati dati molti soldi per starsene a casa vari anni prima degli altri a riposarsi a dormire e aspettare tranquillamente la pensione mentre altri loro coetanei anche con maggiore anzianità vanno a lavorare e sono stati condannati ai lavori forzati a vita!

  4. esodati va bene ma i precoci li hanno dimenticati che hanno e stanno lavorando più di loro.Ho iniziato a lavorare a14 anni e sono penalizzato per ben 3 volte 1 perchè ho iniziato da ragazzo 2 perchè vado in pensione se ci arrivo con il contributivo 3 vado in pensione con 42 anni e 10 mesi bell’equità

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>