Calcioscommesse, Di Martino: “Gli ungheresi la novità. Lecce-Lazio, Lazio-Genoa e le partite del Siena…”

28 maggio 2012
 
di_martino_scommesse

(IRIS) – ROMA, 28 MAG – Inserimento degli “ungheresi” in sostituzione degli “zingari”, sovrabbondanza di prove dietro le combine di partite di serie A, conferme su combine di partite di serie B, cautela nei confronti degli indagati (e quindi non arrestati).

E’ quanto emerge dall’operazione “New last bet” messa in atto dalla procura di Cremona e chiarita in conferenza stampa dal procuratore capo Roberto Di Martino.

Ungheresi, zingari e la Svizzera. “La funzione di questa conferenza stampa non è autocelebrativa, ma serve a ribadire che non vengano riportate cose inesatte. Il provvedimento riguarda 19 persone ma la prima novità importante è nella presenza di un gruppo di ungheresi che avrebbe ‘scalzato’ il gruppo di zingari decimato dagli arresti del marzo 2010, con l’eccezione di Ilievsi e Gegic”.  Spiega il procuratore Di Martino che poi fa riferimento all’ingresso della Svizzera, come luogo chiave per lo scambio di denaro per la combine degli incontri. “La seconda novità è invece relativa alla presenza della Svizzera. Da lì sono pervenute su un conto intestato a Giuseppe Signori (già arrestato in precedenza) due tranche di denaro per la manipolazione di Brescia-Lecce”.

Lecce-Lazio e Lazio-Genoa e le partite del Siena. “Le carte riportano rapporti tra ungheresi e gli zingari, e la partita alla quale fanno riferimento questi atti che ci sono stati trasmessi, di cui c’è sovrabbondanza, è Lecce-Lazio, che ci ha consentito di appurare un guadagno di 2 milioni di euro, 600mila euro usate per la corruzione dei giocatori. Ma questo gruppo si è inserito anche in un altre partite di serie A. Un’altra che viaggia in parallelo con Lecce-Lazio è Lazio-Genoa”. 

Riguardo quest’ultimo incontro Di Martino chiarisce anche il mancato arresto di Giuseppe Sculli. “Non è stata accolta una mia richiesta ma ci sono numerosi indizi che lo vedono indagato”. 

Poi il Siena, dietro al quale ci sarebbero sette/otto partite sotto la lente di ingrandimento, con il coinvolgimento di giocatori, dirigenti, allenatore e presidente. “Le perquisizioni relative alle partite del Siena ci hanno portato a sette/otto partite sotto la lente di ingrandimento, che hanno interessato giocatori e dirigenti della squadra, l’allenatore Conte e il presidente Mezzaroma. Tutte partite relative al campionato del 2011, tutte di Serie B”.

Polizia a Coverciano e differenza tra arresti e avvisi di garanzia. “Sull’intervento a Coverciano voglio chiarire che riguarda solo la persona di Domenico Criscito e non altri soggetti della Nazionale. Per avere l’autorizzazione per le perquisizioni serve la presenza dell’interessato o di qualcuno per lui. Nei suoi confronti non c’è divieto di espatrio, quindi niente di preclusivo per Euro 2012″. Poi chiarisce la differenza sostanziale su chi è in stato di arresto e chi ha ricevuto avvisi di garanzia. “Non trasformiamo gli avvisi di garanzia in cose più gravi, gli indagati hanno diritto a difendersi e non sono considerati colpevoli”. 

Amnistia e Buffon. “Non voglio commentare le parole di Gigi Buffon, ognuno dice quello che vuole. Sulla possibile amnistia da me invocata tempo fa, la cosa è stata molto enfatizzata. All’epoca mi sono esposto in maniera favorevole ma in modo generico, riguardo coloro che hanno collaborato con la giustizia. Le mie sensazioni? Non è una parola che conosco e non parlo di sensazioni”. Ha concluso Di Martino.

 

 

 

No commenti
 
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...
 
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>