Dalla Vuelta lezione di ciclismo (e del ‘pistolero Alberto’)

10 settembre 2012
 
Dalla Vuelta lezione di ciclismo (e del ‘pistolero Alberto’)
Alberto Contador

(IRIS PRESS) – ROMA, 10 SET – Tre settimane ad alto spettacolo. La Vuelta d’Espana 2012 è stata il grande giro a tappe più dell’anno: qualsiasi paragone con Giro d’Italia e Tour de France sarebbe ingeneroso per la ’corsa roja‘. Ogni frazione è stata vivace grazie a un percorso mai banale e a i ciclisti che hanno saputo interpretare la competizione con grande voglia di vincere lasciando in ammiraglia la calcolatrice.

La lezione tratta dall’ultima edizione della Vuelta è semplice, quanto complicata nella sua attuabilità: per regalare spettacolo serve fantasia nel disegno dei percorsi (dalla Francia prendano interi quaderni di appunti) e i ciclisti devono avere una mentalità vincente (i partecipanti all’ultimi Giro d’Italia ripensino al loro comportamento in corsa), senza il timore di salvaguardare il piazzamento da ‘contentino’.

Sul secondo aspetto una citazione va fatta ad Alberto Contador. Il ‘pistolero’ ha vinto la Vuelta e la notizia potrebbe apparire quasi scontata, visto che è il più forte corridore per le corse a tappe al di là di qualsiasi Wiggins (con tutto il rispetto per il britannico).

Ma il fatto più strepitoso è la modalità di successo dello spagnolo: contro un irriducibile Purito Rodriguez ha avuto il coraggio di attaccare a 80 km dal traguardo. Il rischio era di sparire dalle mappe della classifica generale. Ma al ‘pistolero’ non interessava, perché le vittorie sono non arrivano sempre in carrozza. Anzi: spesso sono il frutto di sofferenza, fatica e azzardo. Così lui ha impallinato tutti per ricordare che il ciclismo è prima di tutto fantasia. Con buona pace dei mille problemi di un sistema complesso, ma sempre affascinante.

No commenti
 
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...
 
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>